Beatles: Difference between revisions

From Semi del Verbo
No edit summary
No edit summary
Line 4: Line 4:
|nome alfa = Beatles, The
|nome alfa = Beatles, The
|tipo artista = Gruppo
|tipo artista = Gruppo
|immagine = The_Fabs.JPG
|immagine = Beatles_ad_1965_just_the_beatles_crop.jpg
|didascalia = Da sinistra in alto, in senso orario: [[wikipedia:it:John Lennon|John Lennon]], [[wikipedia:it:Paul McCartney|Paul McCartney]], [[wikipedia:it:Ringo Starr|Ringo Starr]] e [[wikipedia:it:George Harrison|George Harrison]] (febbraio 1964)
|didascalia = Da sinistra in alto, in senso orario: [[wikipedia:it:John Lennon|John Lennon]], [[wikipedia:it:Paul McCartney|Paul McCartney]], [[wikipedia:it:Ringo Starr|Ringo Starr]] e [[wikipedia:it:George Harrison|George Harrison]] (febbraio 1964)
|nazione = ENG
|nazione = ENG

Revision as of 23:54, 29 September 2020

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Beatles (disambigua).
The Beatles
Beatles ad 1965 just the beatles crop.jpg
Da sinistra in alto, in senso orario: John Lennon, Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison (febbraio 1964)
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenereBeat[1][2]
Rock[3][4][5]
Pop[6][7]
Periodo di attività musicale1960 – 1970 (Reunion per The Beatles Anthology negli anni 1994/1995)
EtichettaParlophone
Capitol
Apple
Album pubblicati23
Studio13
Live2
Colonne sonore3
Raccolte8
Logo ufficiale

Gruppi e musicisti con numero totale di album pubblicati da verificare

The Beatles è stato un gruppo musicale britannico,[8] fondato a Liverpool nel 1960 e attivo fino al 1970. Il gruppo era composto da John Lennon (1940–1980), Paul McCartney (1942), George Harrison (1943–2001) e Ringo Starr (1940) (quest'ultimo a partire dal 1962, chiamato a sostituire Pete Best); della prima formazione faceva parte anche Stuart Sutcliffe.[9]

Ritenuti un fenomeno di comunicazione di massa di proporzioni mondiali[10], i Beatles hanno segnato un'epoca nella musica, nel costume, nella moda e nella pop art.[11] A distanza di vari decenni dal loro scioglimento ufficiale – e dopo la morte di due dei quattro componenti – i Beatles contano ancora un enorme seguito e numerosi sono i loro fan club esistenti in ogni parte del mondo.[12]

Stando alle stime dichiarate hanno venduto a livello mondiale un totale di oltre un miliardo di copie[13] fra album, singoli e musicassette, risultando fra gli artisti di maggior impatto e successo e, negli Stati Uniti, quelli con il maggior numero di vendite.[14] Sono inoltre al primo posto della lista dei 100 migliori artisti secondo Rolling Stone.[15]

L'aura che circonda lo sviluppo del loro successo mediatico e che ha favorito la nascita della cosiddetta Beatlemania e lo straordinario esito artistico raggiunto come musicisti rock sono inoltre oggetto di studio di università, psicologi e addetti del settore.[16][17][18][19]

Durante la loro carriera decennale sono stati ufficialmente gli autori di 186 composizioni incise come gruppo,[20] a cui vanno aggiunti venti brani a firma Lennon-McCartney ceduti ad altri artisti.[21]

Il vangelo secondo i Beatles

Libro di Peter Ciaccio, pastore metodista italiano Da Mosè ai giorni nostri passando per Liverpool

  • I Beatles, spartiacque tra un mondo che non c'è più e il mondo di oggi
  • La ribellione di un'intera generazione di giovani contro società e chiesa
  • Un'analisi dell'impatto dei Beatles sulla società da un punto di vista cristiano

A cinquant'anni dall'uscita di Love me do – primo 45 giri dello storico quartetto di Liverpool –, i Beatles continuano a essere il simbolo di quel periodo di ribellione verso tutto ciò che era potere costituito, chiese incluse, che furono, e restano, gli anni Sessanta. A parti

  1. Mauro Vecchio, Beatles - All you need is pop, su ondarock.it, OndaRock. URL consultato il 9 aprile 2015.
  2. Piero Scaruffi, Il beat, su scaruffi.com, La Storia della Musica Music - Piero Scaruffi. URL consultato il 3 novembre 2015.
  3. June Skinner Sawyers, Read the Beatles: Un'antologia di scritti d'epoca sull'impatto, l'influenza e la modernità dei Fab Four, LIT, 2010, "William Mann".
  4. (EN) M. Schneider, The Long and Winding Road from Blake to the Beatles, Springer, 2008, VII.
  5. (EN) Andrew Hickey, The Beatles in Mono, Lulu.com, 2010, p. 159.
  6. Frith, 1982, p. 103.
  7. Kaiser, 1971, p. 18.
  8. The Beatles nell’Enciclopedia Treccani, su treccani.it. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  9. Alessandro Pogliani, Beatles, biografia, su sentireascoltare.com, 3 aprile 2018.
  10. Frith, 1982, pp. 22-3.
  11. (EN) The Beatles - Biography, su rollingstone.com, Rolling Stone. URL consultato il 9 aprile 2015.
  12. Beatles Fan Clubs & correlate pubblicazioni nel Mondo, su tropeamagazine.it, tropeamagazine.it. URL consultato il 12 novembre 2014.
  13. (EN) Kevin Lynch, The Beatles US TV debut 50th anniversary: Top ten Fab Four records, su guinnessworldrecords.com, Guinness World Records, 11 febbraio 2014. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  14. (EN) Gold & Platinum, su riaa.com, RIAA. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  15. (EN) 100 Greatest Artists of All Time, su rollingstone.com, Rolling Stone. URL consultato il 31 marzo 2013.
  16. Francesca Paci, Un corso di laurea in Beatles, in La Stampa, 3 marzo 2009. URL consultato il 12 novembre 2014.
  17. «Oggi in tutto il mondo esistono scuole, college e università dove i Beatles sono argomento di studio, di insegnamento, di analisi e di ricerca». Davies, 2009, p. xii.
  18. (EN) Daniel Levitin, Beatles on the brain, su theguardian.com, The Guardian. URL consultato il 31 ottobre 2014.
  19. Gary Burns, The Beatles and Popular Music Studies, in Womack, 2009, pp. 228-9
  20. MacDonald, 1994.
  21. Soffritti, 1980, pp. 153-4.